Brembate di sopra

 

IL TERRITORIO

territorio del comune di Brembate di Sopra  si estende per 4,3 Kmq .

Il confine ad est è delimitato dal fiume Brembo,  a sud dal Ponte di Briolo con il Comune di Ponte S. Pietro, a  nord il  territorio confina con quello di Almenno S. Bartolomeo fino al torrente Lesina  e poi con quello di Barzana. A Ovest il confine con Barzana termina poche decine di metri a nord di Ca’ Fittavoli di qui, seguendo il torrente Rino in direzione nord-sud, Brembate confina con Mapello. A Sud il confine segue il tracciato della vecchia Briantea, con direzione da nord-ovest a sud-est., che un tempo divideva Brembate da Locate Bergamasco ora frazione di Ponte S. Pietro.

 

CENNI STORICI

La località è citata per la prima volta nell’anno 856: “… signum manus Donnoloni de Brembate”, che il prof. Testa ha individuato in Brembate Superiore. Nel marzo 867 è citata la frazione Arzenate.  Anticamente Brembate di Sopra faceva parte del Pagus Lemmini. Maironi da Ponte così scriveva su Brembate di Sopra: “Nel luogo ove oggi si vede il palazzo Brembati, esistette un castello rinomato nelle guerre civili del XIII e XIV secolo”. Mentre della via Tresolzio: “ha un vecchio castello ridotto a luogo di delizia della illustre e nobile famiglia del Marchese Pietro Rota. Nelle sue contrade vi sono anche delle vecchie torri, le quali insieme col castello dimostrano quanta parte presero nelle frazioni civili del secolo XIII e XIV i suoi abitanti”.

Il 19 maggio 1229 il Colleoni ed i suoi seguaci in uno scontro armato battevano gli avversari sul Brembo, cagionando loro gravissime perdite. Nell’agosto 1392 Tuzzano Rota, con truppe guelfe assale Brembate di Sopra saccheggiando l’abitato. La pace ritornò nel 1427 sotto la protezione di Venezia.  

 

LUOGHI DI INTERESSE

Villa Brembati, poi Sommi Picenardi, oggi di proprietà comunale ed adibita a Casa di Riposo per Anziani.

La seicentesca Villa Terzi, anche essa ristrutturata nei secoli, che ingloba qualche resto delle antiche fortificazioni del luogo. Villa appartenente fino al 1820 ai Rota poi ai conti Terzi; già fortificazione medioevale duecentesca.

Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta

 

PARCO ASTRONOMICO LA “TORRE DEL SOLE”

Per chi si trovi a passare oggi da Brembate Sopra non sarà difficile notare il lucente scintillio metallico della “Torre del Sole”, un complesso che si leva maestoso fino a 34 metri al di sopra delle case circostanti. La costruzione costituisce un nuovissimo ed originale Parco d’Astronomia che si affianca alle migliori strutture italiane dedicate alla didattica, alla divulgazione e alla sperimentazione delle scienze del cielo.